Risultati – Giochi Sportivi Studenteschi – Finale Regionale – Udine 23/03/2013

IMG_7689

Il primo appuntamento per i giovanissimi della pesistica è avvenuto sabato 23 marzo presso il palazzetto “M. Benedetti” di Udine.  A presenziare ben 254 ragazzi nati negli anni 1999 e 2000 provenienti dalle scuole medie delle province di Udine e Pordenone.

Nove le scuole partecipanti che – grazie agli insegnanti di educazione fisica – hanno fatto proprio il progetto dei Giochi Sportivi Studenteschi della pesistica, che comprendono tre esercizi tecnici: lo slancio, i balzi a piedi pari e il lancio della palla medica. Triathlon che ha entusiasmato tutto gli allievi, in numero quasi equivalente tra maschi e femmine, che in maniera ordinata e gioviale hanno effettuato tutto il percorso appositamente predisposto dagli Ufficiali di Gara e dagli addetti  alla manifestazione.

A dare il benvenuto il Delegato Regionale Dott. Giovanni Righi, da moltissimo impegnato nell’implementazione di questa manifestazione, che è il terreno fertile per i futuri atleti e campioni della pesistica italiana, coinvolti in un minuto di silenzio in memoria del campione Mennea, storia dello sport italiano.

Al via quindi la manifestazione da tanto preparata e aspettata, i giovani ragazzi infatti da mesi si allenano presso le scuole di appartenenza sotto l’occhio vigile e competente dei propri professori, che hanno dimostrato un evidente miglioramento nell’impartire le nozioni tecniche dell’esercizio di slancio, da qualche anno inserito al posto dello strappo.

Nella sezione femminile la sfida si fa da subito pordenonese, storici gli Istituti presenti a contendersi lo scalino più alto del podio per la differenza di un solo punto. Terza squadra femminile classificata proviene dall’Istituto “Don Bosco”, la seconda squadra è la “Lozer” di Torre di Pordenone, e le campionesse regionali provengono dall’Istituto comprensivo “Pordenone Sud”.

Il podio a quadre maschile è ripartito tra le due province presenti, ma il Pordenonese ha sempre la meglio sul terzo classificato IV° Istituto Comprensivo “Fermi” di Udine, con un secondo posto per l’Istituto comprensivo “Pordenone sud” lasciando il posto alla scuola campione “Lozer” di Torre di Pordenone.

Un bel bottino per entrambe le scuole che si aggiudicano le tre posizioni in palio con una differenza rispettiva di circa quattro punti.

Sabrina Magris

 

Risultati Finale Regionale Giochi Sportivi Studenteschi

Photogallery

Gss2013

REGOLAMENTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI

Possono partecipare gli Alunni di 13 e 14 anni di età compiuta o da compiere nell’anno solare (nati/e negli anni 1999 e 2000) delle Istituzioni Scolastiche secondarie di I grado. I GSS sono organizzati dalla FIPE in collaborazione con il MIUR ed il CONI seguendo le direttive della Scheda Tecnica di Pesistica approvata e trasmessa dal MIUR tramite i propri Uffici Provinciali di Educazione Fisica a tutti gli Istituti Scolastici.

Regolamento Tecnico di Gara

La gara si svolge a squadre maschili e femminili composte ciascuna da un massimo di 5 Alunni, uno per ciascuna delle seguenti categorie di peso: 43 kg-50 kg-57 kg-66 kg-66+ kg

In caso di mancanza di Atleti in una determinata categoria di peso, sia maschile che femminile, le squadre possono essere completate con una sola sostituzione. In questo caso il punteggio dell’Atleta, M o F, che sostituisce, viene dimezzato del 50%. E’ prevista una tolleranza al peso, sia maschile che femminile, al massimo di 500 grammi.

La gara si svolge sulle seguenti tre prove:

1: Salto triplo da fermo con partenza ed arrivo a piedi pari, senza soluzione di continuità; possono essere effettuate due prove ed ai fini del punteggio viene presa in considerazione la migliore. La misura ottenuta viene moltiplicata per 2 e trasformata in punteggio (es. metri 5,05×2 = punti 10,10). La misurazione viene effettuata dal punto più arretrato del corpo dell’Atleta che tocca la corsia dopo l’atterraggio (es:. un Atleta che si sbilancia e cade indietro: la misura viene presa dalla linea di partenza fino alla mano più arretrata che si è appoggiata alla corsia).

Il SALTO è nullo se l’Atleta esce dalla corsia durante l’esecuzione dei tre salti o dell’atterraggio, cioè se tocca la linea esterna con qualsiasi parte del corpo.

2: Lancio della palla zavorrata da Kg. 3 da avanti-basso in alto-dietro, con partenza da palla ferma a terra. Ai fini del punteggio viene considerata la migliore tra le due prove effettuate. Il settore lancio è suddiviso in fasce di punteggio come dal seguente schema:

Metri 5 5,5 6 6,5 . . . . . . 14 14,5 15 oltre 15

Punti 5 5,5 6 6,5 . . . . . . 14 14,5 15 15,5

Il punteggio da aggiudicare all’Atleta risulterà dalla fascia in cui cadrà la palla zavorrata; se la palla cade sulla linea tra due fasce di punteggio, è da considerarsi valida la fascia più vicina alla linea di lancio. Nel caso la palla vada oltre la linea dei 15 metri, i punteggio assegnato sarà sempre di 15,5 punti.

Il LANCIO è nullo se:

 L’Atleta compie il lancio con movimento non continuo. Il movimento della palla deve essere continuo verso l’alto, partendo dalla posizione iniziale di palla ferma, appoggiata a terra. Non sono ammesse interruzioni dopo che la palla è stata afferrata e si è staccata da terra;

 L’Atleta supera la linea di partenza durante il lancio, cioè se calpesta o supera con piedi, o qualsiasi altra parte del corpo, la linea di inizio del settore lanci;

 La palla zavorrata tocca a terra lateralmente, fuori delle linee del settore lanci.

3: Slancio con bilanciere giocattolo a carico fisso da Kg 10 con le regole tecniche della Pesistica. Vengono effettuate tre alzate; per ogni alzata ritenuta valida vengono assegnati 4 punti, per ogni alzata nulla zero punti.

Lo SLANCIO è nullo se:

 Nella fase di girata ed appoggio del bilanciere sulle spalle, ci sia contatto tra arti superiori ed arti inferiori;

 Nella fase di spinta non venga effettuata una simultanea e completa distensione degli arti superiori;

 Nella fase conclusiva l’alunno non si fermi per un attimo con i piedi allineati e gli arti inferiori e superiori completamente distesi.