Lettera aperta a Giovanni Righi

Caro Giovanni

Impossibilitato a farlo in occasione dell’Evento sportivo regionale del 6° Torneo di Natale svoltosi in Cervignano del Friuli, sabato 10 dicembre u.s., per motivi familiari, desidero con questa mia a titolo personale, ringraziarti apertamente per quanto hai fatto per questo Comitato regionale della FIPE in tutti questi lunghi e difficili anni, prodigandoti sempre e senza mai arretrare di un sol passo nel corso dei molteplici appuntamenti sportivi di Pesistica in questa Regione di cui i componenti di questo periferico Comitato, in ambito nazionale ed internazionale, sono andati sempre orgogliosi per i molteplici positivi ritorni sia di ordine organizzativo e sportivo-agonistico, quanto d’immagine.

Un successo pieno per la Pesistica del Friuli Venezia Giulia ed italiana di cui buona parte spetta a te, Giovanni, per la sintesi, l’informalità spesso opportuna negli incontri sportivi del Comitato e il livello culturale espresso, nonché l’alto spirito di sopportazione che il ruolo sempre impone.

Non sempre tutto è andato come tu volevi, o come avevamo calcolato, ma questo è nelle economie di noi dilettanti pieni di grezzi entusiasmi costruttivi, con scarsi mezzi monetari e privi di professionali pazienze. I tuoi ritagli di tempo, sottratti alla famiglia, al lavoro e alla vita privata hanno consentito, con il tuo prodigo impegno, nel bene e nel male, una eccellente continuità organizzativa e una autorevole e responsabile presenza, sottolineata sempre dai vertici Federali che si sono affacciati in questi anni.

Un grande impegno, il tuo, che si conclude con un corretto e non traumatico passaggio di consegne nel segno di un necessario, e forse salutare, cambio alla guida di questo eccellente Comitato che necessita, apparentemente, anche di nuove idee, di esperienze e forze nuove. Ben venga questo rilancio secondo una misurata continuità amministrativa e sportiva che mi auguro e che auguro ai tuoi successori, a cui voglio attribuire valenze e buona fede, per mantenere alto il livello gestionale, fino ad oggi raggiunto, di questa Organizzazione Territoriale.

Spero che questo tuo cedere il passo non sia un definitivo allontanamento da questa struttura periferica della FIPE. Certamente chi ti succede, che riceverà le istituzionali ratifiche dal nuovo Consiglio Federale, avrà bisogno di una prima affidabile scorta per inoltrarsi con fiducia e passo sicuro, sempre di più, nei territori Federali che presentano oggi e nel breve-medio termine, nonostante apparenti continuità elettive, non poche difficoltà di ordine amministrativo e gestionale.

Infine, ti rinnovo la mia gratitudine per quello che hai fatto, fino a questo tempo, per me personalmente, e per il Settore arbitrale di questo speciale Comitato regionale.

Giovanni, grazie di cuore.

Fabiano Blasutig